Cosa fare, vedere e mangiare a Londra

Cosa fare vedere e mangiare a Londra in 1, 2, 3 giorni o nel weekend!

Londra è una città dalle mille sfaccettature, dalle mille culture, dai mille cibi e dalle mille etnie. È una città in cui i signori in inglesi camminano al fianco dei cingalesi, degli italiani, degli indiani, dei brasiliani, dei tedeschi, degli africani, dei giamaicani e qualche altro centinaio di etnie di tutto il mondo.

Questa fusione ha portato Londra ad una importante evoluzione e a diventare la meravigliosa metropoli che è.

È una delle capitali europee che assolutamente merita una visita. È necessario vedere il Big Ben e l’House of Parliament, Buckingham Palace e Cambio della Guardia, tornare bambini facendo un giro sul London Eye, provare i “Fish&Chips”.

Oppure provate a vedere Londra anche da punti di vista un po’ più insoliti. Per esempio fate un giro sulle orme di Jack lo Squartatore, potrebbero aprirsi scenari inaspettati.

Cosa vedere a Londra

Di seguito alcune meraviglie che è necessario vedere se vi recate in vacanza a Londra per 1, 2, 3 giorni o per il weekend.

Trafalgar Square e National Gallery di Londra

trafalgar square londra

trafalgar square londra

La piazza principale di Londra è Trafalgar Square e la possiamo identificare un po’ come l’icona della città. La piazza, dedicata alla battaglia di Trafalgar, sfoggia al centro una Colonna con Horatio Nelson, in ricordo del celebre ammiraglio eroe della battaglia (sconfisse le flotte spagnole e francesi durante le guerre napoleoniche nel 1805).

In origine la piazza era la sede delle stalle reali, King’s Mews. Dalla piazza si snodano le arterie principali della città: The Mall (il viale che porta a Buckingham Palace), lo Strand (che porta alla City) e Whitehall (che conduce all’House of Parliament). Sulla piazza si affaccia anche la National Gallery.

La National Gallery, fondata nel 1824, custodisce il nudo più famoso dell’arte preistorica, la Venere di Bilendorf, risalente a 25.000 anni fa, e la principale raccolta inglese di pittura, in cui troviamo anche i dipinti di scuola italiana, fra i quali Botticelli, Raffaello e Michelangelo, e i maestri inglesi del ‘700 e ‘800, oltre a una vasta raccolta di opere contemporanee. L’ingresso alla collezione principale permanente è gratuito, anche se talvolta è richiesto il pagamento di un biglietto per accedere ad alcune esposizioni speciali. Non perdetevelo.

Buckingham Palace e Cambio della Guardia a Londra

Buckingham Palace

Buckingham Palace

Buckingham Palace è una tappa obbligatoria durante la visita della città. Si raggiunge da Trafalgar Square, percorrendo il Mall e passando sotto il maestoso Admiralty Arch. È la residenza della monarchia inglese, costruito nel 1703 per il duca di Buckingham, e soltanto in seguito acquistato da Giorgio III che ne fece la residenza sua e della famiglia reale.

Il palazzo reale ha 775 stanze, un immenso parco reale di 20 ettari ed è visitabile solo d’estate (perché durante il periodo estivo la famiglia reale si trasferisce nella residenza estiva, il castello di Windsor).

Dal 1 agosto al 27 settembre infatti viene aperta al pubblico l’Ala Ovest, che comprende alcune stanze degli appartamenti di stato e le scuderie reali, dove sono custodite le favolose carrozze usate dai sovrani nelle occasioni ufficiali.

Inoltre se vi trovate a passare da quelle parti intorno alla 11.30, non perdetevi assolutamente la cerimonia del cambio della Guardi di Sua Maestà: uomini in uniforme rossa, con un ingombrante copricapo di pelliccia nera, che sfilano scambiandosi cenni curiosi.

Questa cerimonia va avanti dal 1660. Per sapere se la regina è a casa, fate attenzione al numero delle guardie, se ce ne sono 4 “The Queen” è a casa.

Big Ben e House of Parliament di Londra

big ben londra

big ben londra

L’House of Parliament (o Palazzo di Westminster) è un imponente edificio di architettura neogotica di 1200 stanze in cui ha sede l’House of Commons e l’House of Lords, le due camere del Parlamento inglese.

Questo palazzo è attraversato in lungo e in largo da 3 km di corridoi, la gigantesca struttura nasconde infatti un labirintico sotterraneo e si dice che George Orwell si sia ispirato proprio a questi sotterranei per descrivere il “Miniver”, il Ministero della Verità di Londra, nel suo romanzo “1984”.
L’House of Parliament è sovrastata da due celebri torri: la Victoria Tower dalla quale si accede al Parlamento e la Clock Tower, la torre del Big Ben. Pochi sanno che il nome Big Ben non appartiene all’orologio, ma all’enorme campana di 13 tonnellate e mezzo (così chiamata perché fu fatta installare da Benjamin Hall) che ha il compito di battere le ore, mentre altre 4 campane più piccole suonano ogni quarto d’ora.
Purtroppo la visita alla Clock Tower, alta 96 metri, è consentita solo ai cittadini britannici, ma si può entrare a visitare le due Camere. Passeggiare di sera da quelle parti e osservare la facciata dell’House of Parliament quando le luci si rispecchiano nel Tamigi ridisegnandone il profilo, raddoppiano lo spettacolo.

Tate Gallery di Londra

millennium bridgePasseggiando per il Millennium Bridge, ponte pedonale spettacolare in acciaio che collega direttamente la riva nord del Tamigi alla riva sud, si arriva proprio alla Tate Modern, la galleria d’arte nata dal progetto di espandere e dividere la collezione d’arte britannica contemporanea da quella del passato custodita nella Tate Britain. Entrambe, insieme alla Tate Liverpool e la Tate St. Ives in Cornovaglia formano il complesso museale Tate.

Aperta dal 2000, la Tate Modern è una delle gallerie d’arte più all’avanguardia del mondo e nelle sue sale è rappresentata tutta l’arte dal 1900 ai giorni nostri, con opere di Picasso, Matisse, Dalí, Kandinsky e Van Gogh.

In generale comunque è una struttura che va vista e ammirata in quanto è essa stessa un’opera d’arte, fu costruita in una centrale elettrica in disuso, ma l’edificio conserva ancora il suo fascino originale nell’aspetto esteriore, nell’imponente ciminiera e nei suoi spazi interni: la Turbine Hall, ad esempio, quella che un tempo era la sala macchine, oggi è l’ingresso principale alla Galleria.

Per gli appassionati di teatro, vi segnaliamo che vicino alla Tate Modern, c’è lo Shakespeare’s Globe Theatre, moderna ricostruzione del celebre Globe Theatre, costruito nel 1599 dalla compagnia teatrale di Shakespeare.

La Cattedrale di Saint Paul a Londra

st paul cathedral

st paul cathedral

La Cattedrale di St Paul è sorta dalle ceneri della cattedrale distrutta nel tragico incendio del 1656. Il clero inglese volle un campanile tradizionalmente inglese, tutto guglie e navate.

Ma nel 1710, dopo 35 anni di lavori, Londra si ritrovò la sua cattedrale con la cupolona, che in realtà è pura illusione perché le cupole sono 3. Quella esterna maestosa e imponente, visibile da tutti, al suo interno ne racchiude una seconda visibile soltanto dall’interno della cattedrale, e nel mezzo ne è presente una terza che però non è visibile, ma che sostiene il lucernaio.

La cattedrale di St Paul ospita gli eventi più significativi della città: dai funerali di Winston Churchill a quelli di Lord Nelson, dal centesimo compleanno della Regina Madre, al matrimonio di Lady Diana con il Principe Carlo. La chiesa ospita inoltre lapidi commemorative e tombe di molte illustri personalità britanniche, tra i quali il Duca di Wellington, Lord Nelson, sir Winston Churchill, T.E. Lawrence, Sir Alexander Fleming e tanti altri.

Da non perdere la Whispering Gallery (La Galleria dei Bisbigli) che deve il nome ad una acustica particolare: pronunciando infatti una parola vicino al muro, la si può ascoltare da qualsiasi punto vicino alla galleria. Dalla Gold Gallery (Galleria d’Oro) è invece possibile ammirare e godere di una splendida vista su Londra.

British Museum di Londra

British Museum londra

British Museum londra

Il British Museum, in un’esperienza unica, ci mostra le meraviglie dall’arte contemporanea alle origini della nostra storia. Un viaggio all’indietro nei secoli alla scoperta dei tesori più affascinanti e antichi del mondo, attraverso otto milioni di oggetti che raccontano la storia dell’uomo, dalle prime incisioni su pietra dell’era preistorica alle prime monete, dai geroglifici alle antichissime ceramiche cinesi, fino ai dipinti del XX secolo. È il museo pubblico più antico al mondo, con il suo imponente ingresso con frontone e colonnati che riprendono il modello dei templi greci

Il British Museum dedica un’intera galleria alle sculture del Partenone, vanta la più antica collezione di vasi greci, la più grande collezione al mondo di reperti dell’Antico Egitto (seconda solo a quella del Museo del Cairo) e custodisce la Stele di Rosetta che ha permesso di decifrare e studiare i geroglifici.

Data la vastità del museo, vi consigliamo di scegliere un itinerario con le opere che più vi interessano e visitare solo quelle, altrimenti non vi basterebbe una giornata intera.

Il London Eye di Londra

london eye

london eye

Il London Eye (occhio di Londra), anche noto come Millennium Wheel (Ruota del Millennio) è una ruota panoramica situata sulla riva sud del Tamigi tra il Ponte di Westminster e l’Hungerford Bridge, a Londra. È una delle ruote panoramiche più alte del mondo, sicuramente però è la più alta d’Europa. Se desiderate tornare un po’ bambini o solamente restare abbagliati dalla bellezza di Londra vista dall’alto, visitatela, resterete a bocca aperta. Terminata nel 2000 dopo un paio d’anni di lavori, è alta 135 metri.

Torre di Londra

St. John’s Chapel

fonte foto:englishmonarchs.co.uk

La Torre di Londra è diventata Patrimonio dell’Umanità, protetta dall’UNESCO. Durante una visita di Londra, la torre con i suoi 1.000 anni di storia merita l’attenzione necessaria. È un castello storico eretto nel 1078 lungo il Tamigi per proteggere i Normanni dalle incursioni dei cittadini della City e dagli invasori esterni.

Il primo edificio ad essere eretto, dietro ordine di Guglielmo il Conquistatore, è la White Tower (la Torre Bianca) con quattro torri angolari coperte da cupole e custodisce la meravigliosa St. John’s Chapel, capolavoro di architettura normanna. Antica residenza reale, prigione di stato, teatro delle esecuzioni di personaggi di alto rango e dei dissidenti religiosi, zoo reale, sede della zecca del regno, custode dei gioielli della Corona, è tra le mura di quest’imponente fortezza che è stata scritta gran parte della storia di Londra. Ed è qui che alla storia si intreccia la leggenda. La fortezza non è sorvegliata solo dagli iconici “Beefeaters”, le guardie in costume cinquecentesco color nero e rosso, ma anche da un gruppo di sorveglianti speciali: the Ravens, uccelli della famiglia dei corvi. La leggenda narra che Re Carlo II fosse convinto che la monarchia e la Torre sarebbero andati in rovina qualora i sei corvi che presidiavano la Torre avessero abbandonato la fortezza. Oggi è possibile incontrare il gruppo di volatili che continuano a perlustrare il territorio ma soltanto sotto la guida del “Raven Master” e, non dimenticatelo, non è consentito dar loro del cibo!

Tower Bridge a Londra

tower bridge

tower bridge

Dall’antica fortezza medievale al ponte levatoio più famoso al mondo, il Tower Bridge collega la zona di Southwark alla Torre di Londra. Se ti affascinano i panorami mozzafiato e insoliti, non puoi non visitare il Tower Bridge. Anche la suggestiva passerella in vetro, che collega le due torri neogotiche a 42 metri di altezza dalle acque del Tamigi è una tappa obbligatoria.

Costruito per permettere il transito sul Tamigi di navi molto grandi, con un meccanismo che faceva alzare le due estremità del ponte azionato da un sistema idraulico che sfruttava la forza del vapore.

Dagli anni ’70 invece il vapore è stato sostituito dal gasolio, ma è sempre possibile visitare le Sale Macchine Vittoriane, nella torre Nord, in cui sono esposti gli ingranaggi d’epoca. Nella Tower Bridge Exhibition, inoltre, è stata allestita una mostra interattiva che racconta la storia dell’imponente opera.

Cosa mangiare a Londra

L’aria di Londra ha sempre un leggero odore di frittura perché ad ogni angolo di strada troverete ambulanti che friggono senza sosta spuntini da mangiare al volo, anelli di cipolla e fish&chips. Quest’ultimo consiste in una porzione di merluzzo e patate, fritti, servite in una carta per alimenti grondante d’olio. Godetevi il vostro fish&chips senza pensare che l’olio in cui è stato fritto è scuro come il petrolio.

Ma il fascino della cucina di Londra sta anche nel fatto che potete guastare alternative etniche. La città inglese infatti è la città più multiculturale del mondo, quindi anche la sua cucina lo è.

Thailandese, cinese, africana, brasiliana, cingalese, giamaicana e tante altre. Potete veramente gustare cibo proveniente da ogni parte del mondo. Al mattino gustate uova, pancetta e porridge (zuppa d’avena). Dimenticatevi la deliziosa colazione italiana con caffè, latte e cornetti.

Se invece volete gustare del cibo tipicamente inglese, recatevi in un pub, che sono diversi dai nostri: servono anche piatti elaborati, di solito a base di carne di manzo o di maiale, cacciagione e cipolle. Un consiglio: di solito la carne è sotto, molto sotto le cipolle, ma c’è. Non disperate.

Dove dormire a Londra

Londra è la città più accogliente del mondo ma anche la più cara, proprio perché perennemente ricca di turisti e uomini d’affari in visita.

Per questo trovare posti economici per dormire, può essere una impresa a volte difficile. Spulciate tra le offerte e magari riuscirete a trovare qualcosa che vi soddisfi anche economicamente, magari una camera nei quartieri meno centrali. Ricordatevi che Londra ha una rete di mezzi pubblici efficiente e molto ampia.